Confindustria e R.ETE. Imprese Italia, hanno annunciato di aver inviato al governo i documenti usciti dal tavolo sociale che si è tenuto mercoledì scorso e di aver chiesto allo stesso tempo un incontro con l’esecutivo.

“Con  i documenti che abbiamo presentato e discusso – ha detto il Presidente di R.ETE. Imprese Italia, Carlo Sangalli – chiediamo una proroga degli ammortizzatori in deroga, ma anche lo sviluppo dei premi di risultato e della contrattazione di secondo livello; per il Mezzogiorno, una crescita nella legalità e l’istituzione di una cabina di regia per la rimodulazione delle risorse nazionali e comunitarie; in materia di semplificazione, che si avanzi nel perseguimento dell’obiettivo comunitario della riduzione del 25%, entro il 2012, degli oneri amministrativi; infine, che si costruisca una vera rete dell’innovazione, un sistema-paese dell’innovazione”.

“Per raggiungere questi obiettivi –  ha proseguito Sangalli – è certamente necessario l’impegno, la responsabilità delle parti sociali per dare un contributo concreto alle scelte indispensabili, nel nostro Paese, per rafforzare produttività e crescita, occupazione e sviluppo, coesione sociale e territoriale”. Un contributo che vogliamo rendere assumendoci impegni, ma anche chiedendo a tutti di fare la propria parte mettendo al centro dell’impegno politico e dell’azione di Governo un’agenda di lavoro che consenta di rafforzare il circuito tra stabilità finanziaria e spinta alla crescita”.